Era uno degli impegni più difficili da superare. E la Passalacqua spedizioni Ragusa lo ha fatto mettendo in campo una prova tutta di carattere e determinazione. Battuta Parma sul proprio parquet con il punteggio di 58-51, la squadra di coach Nino Molino si ritrova, dopo cinque giornate, in testa da sola al campionato di serie A1 per la concomitante sconfitta di Schio a La Spezia. Gatti e compagne, con cinque successi su altrettante partite, sono l’unica squadra a punteggio pieno del campionato.

I tifosi sognano, ma tutto l’ambiente resta con i piedi ben saldi per terra. “Come ci aspettavamo, è stata una partita molto difficile – commenta Molino – per il valore dell’avversario, e perché ci siamo ritrovati a giocare in trasferta una partita che è stata molto complessa. Bisognava verificare la gestione delle palle importanti in un contesto non amico, e i riscontri sono stati positivi, perché al di là del fatto che non siamo riusciti a chiudere la partita anche quando siamo stati aventi per 10 punti pur provandoci, è anche vero che nell’ultimo minuto e mezzo siamo stati capaci di mettere a segno un break di 6-0 che ci ha permesso di portare a casa questa vittoria”. A salire in cattedra, nel finale, il trio Malashenko-Walker-Williams “però – tiene a sottolineare il tecnico biancoverde – ci sono stati anche due assist di Gatti che sono stati fondamentali e in più c’è stata una difesa eccellente da parte di tutte”. A pesare in negativo, soprattutto lo 0 su 12 da tre di squadra che fortunatamente non ha inciso sul risultato finale. “Le percentuali al tiro – ammette Molino – non sono state ottimali, ma prima di questa partita erano molto buone, dunque non sono affatto preoccupato di questo. Più che altro guardo una prestazione complessiva che invece è stata davvero all’altezza della situazione. Le sensazioni? Sono ovviamente belle, anche perché questa posizione è sicuramente inaspettata, ma è chiaro che non possiamo guardare alla classifica con troppo entusiasmo perché siamo soltanto all’inizio. Ci aspetta un finale di girone di andata molto impegnativo, ma chiaramente questo avvio ci fa anche ben sperare per la coppa, in più è importante per i tifosi e per l’entusiasmo che c’è in città”.

A Parma anche una cinquantina di supporter ragusani, tra studenti fuori sede e famiglie delle giocatrici, con in testa capitan Mauriello che non ha voluto perdere l’occasione per stare vicino alle proprie compagne. Domenica prossima impegno casalingo con Orvieto al PalaMinardi.

 

 

Ragusa, 11.11.2013

 

 

Ufficio stampa, Michele Farinaccio tessera 116320