Il pivot americano Erlana Larkins arriverà a Ragusa nella serata di lunedì prossimo, 9 gennaio. La società ragusana, infatti, dopo avere accelerato il più possibile per il disbrigo delle pratiche burocratiche, ha emesso il biglietto che permetterà alla lunga statunitense di atterrare all’aeroporto di Fontanarossa di Catania alle ore 16,00 di lunedì. Non appena arrivata a Ragusa, Larkins sosterrà le visite mediche, quindi nella mattinata di martedì sarà impegnata per altre pratiche burocratiche. Nel pomeriggio di martedì, invece, con orario che sarà specificato in seguito, si terrà la presentazione alla stampa e ai tifosi. Domani, intanto, la squadra parte alla volta di Broni, per giocare, domenica pomeriggio, la gara valida come seconda giornata del girone di ritorno della regular season. L’obiettivo è ovviamente quello di cercare di allungare ulteriormente la striscia positiva che tra campionato, Eurocup e Coppa Italia, perdura ormai da diverse partite. Ragusa si troverà di fronte alla squadra che proprio nella giornata di ieri è stata capace di violare il parquet di Umbertide e di qualificarsi alla seconda partita di Coppa Italia e di fronte ad una formazione che, di certo vorrà cercare di ribaltare il pesante risultato rimediato all’andata, quando Ragusa si impose per 80-37. “Dopo la prestazione di ieri a Umbertide – commenta l’assistant coach Maurizio Ferrara – Broni si candida come avversario ostico specialmente tra le mura amiche dove c’è sempre un ambiente dei più caldi. E’ una squadra che fa del gruppo la sua forza ma che ha anche buone individualità nelle giocatrici chiave, fra queste due nostre ex cioè Soli e Richter, che sentiranno questa partita in maniera particolare; ma soprattutto le americane Stokes, ottima realizzatrice, e la lunga Bratka, che è giocatrice magari non molto mobile ma che però ha varie soluzioni, sia da dentro che da fuori. Ci fa piacere infine rivedere Francesca Zara, che aveva fatto la sua ultima apparizione a Parma lo scorso anno, ma che da qualche partita si è data disponibile a vestire la casacca di Broni, apportando il suo contributo di esperienza”.

Michele Farinaccio, Ufficio stampa Passalacqua Ragusa