Vittoria sudata, cercata ed ampiamente meritata per la Passalacqua Ragusa che ieri pomeriggio ha violato il parquet di San Martino di Lupari ed ha centrato la qualificazione alle Final Four di Coppa Italia, che si terranno il 25 e 26 febbraio, con sede ancora da definire. Ragusa se la vedrà con Lucca in semifinale, mentre dall’altra parte si troveranno di fronte Schio e Venezia. In una partita nella quale la situazione falli poteva costituire un fattore determinante ai fini del risultato, Ragusa ha trovato nell’esordiente Larkins, ma anche in una ritrovata Gaia Gorini le sue autentiche trascinatrici. Le biancoverdi hanno inseguito per quasi tutti i 40 minuti, pur con la partita che è rimasta sempre sui binari dell’equilibrio. Poi Ragusa è uscita nel finale dove è arrivata con maggiore lucidità rispetto alle padrone di casa e si è imposta con il punteggio finale di 68-73. “Purtroppo – commenta coach Gianni Lambruschi – c’è stato ancora una volta il nostro solito inizio lento, con poca applicazione difensiva. Tutto questo è costato un carico di falli spropositato sulle nostre lunghe, frutto di una scarsa concentrazione, che non è di certo giustificabile con la presenza di una nuova giocatrice, che alla fine ha preso 20 rimbalzi e che ha messo tanta buona volontà nel cercare di capire le abitudini delle sue nuove compagne. Nel terzo quarto abbiamo fatto ricorso alla zona ma c’è stato anche e soprattutto un cambio di mentalità, più precisione nell’esecuzione in attacco e più cuore in difesa. Spreafico ha cambiato l’inerzia della gara con due triple, Ndour è entrata in partita e finalmente non abbiamo lasciato più spazi a San Martino. Adesso andiamo alle Final Four per difendere il titolo”. La comitiva biancoverde non farà rientro a Ragusa dato l’impegno ravvicinato di mercoledì a Nymburk nella gara d’andata del round of 16 di Eurocup. Il match è in programma alle ore 20,00. Si replica il 25 gennaio al Palaminardi alle ore 20,30 nella gara di ritorno.

Michele Farinaccio, Ufficio stampa Passalacqua Ragusa