Ragusa gioca una più che buona partita sul parquet del Famila Schio ma non basta, perché sono le padrone di casa di coach Vincent ad imporsi per 66-60 al termine di una gara vibrante, sempre accesa sul piano dell’agonismo per tutti i 40 minuti e nella quale, nella prima parte, le biancoverdi di coach Recupido sono riuscite anche a restare in vantaggio per lunghi tratti. Schio piazza la zampata vincente a cavallo tra il secondo e il terzo parziale, scavando quel gap che, purtroppo per Ragusa, Consolini e compagne non riescono, di fatto, mai più a ricucire. La Passalacqua resta comunque in partita fino alla fine e prova, sul -6, a rimetterla dalla propria parte. Ma Schio è attenta e si aggiudica con merito il confronto numero 50 in partite ufficiali tra le due formazioni.

“E a proposito di confronti – commenta coach Gianni Recupido – se Schio ne ha vinti 32 su 18 un motivo ci sarà: tra le due squadre c’è ancora sicuramente un gap che però oggi non si è visto tanto, se si considera l’andamento della gara. Poi però purtroppo abbiamo commesso degli errori, come i 10 rimbalzi offensivi che abbiamo concesso nei primi due quarti o il fatto che loro abbiano segnato troppe volte all’ultimo secondo. Nonostante questo siamo rimasti in partita per tutto il tempo. Abbiamo lasciato qualcosa alla fine del secondo quarto, che poi è stata decisiva nella loro vittoria finale. Non posso non essere comunque soddisfatto della prestazione delle ragazze, e adesso pensiamo a Venezia: dovremo resettare e andare avanti, con la consapevolezza che questa è stata una partita importante per il nostro percorso, perché dobbiamo fare esperienza e dobbiamo acquisire forza mentale”. 

Michele Farinaccio, ufficio stampa Passalacqua Ragusa